Risposta di Claudio Martino a commento di Angela Nicoletti su pagina facebook Fiorenzo Fraioli

Sulla pagina facebook di Fiorenzo Fraioli, la redattrice de “La Provincia” Angela Nicoletti ha pubblicato un commento relativo al post Diamo una mano al quotidiano “La Provincia”! (PUTENZA DELLA RETE…).

Il commento di Angela Nicoletti, in cui si rivolge a Fiorenzo Fraioli:

Angela Nicoletti Nessuno può permettersi di giudicare nessuno. Sono tra gli indaffarati giornalisti che lavorano per La Provincia Quotidiano e sono dispiaciuta del fatto che io non la conosca. E’ un collega? Un giornalista di quelli che sta in mezzo alla strada sulla notizia, ventiquattro ore al giorno? Non ho mai avuto il piacere di incontrarla durante le lunghe notti passate con tanti altri colleghi, che lei definisce indaffarati, in attesa di questo o quell’arresto. Non permetto a nessuno di offendere il MIO direttore. La persona che mi ha consentito di diventare professionista e di avere uno stipendio in una provincia dove le raccomandazioni e le marchette sono all’ordine del giorno. Come mai tanto interesse verso il nostro giornale? Non dovrebbe preoccuparsi di quello che scriviamo visto che abbiamo chi inventa bufale. Se il servizio Occhio Vigile è stato trattato in quel modo c’è una spiegazione che non è ne politica ne chissà ne di fantascienza. E certo non lo dobbiamo spiegare a lei. Conosco questo tipo di attacco. Siamo abituati noi giornalisti indaffarati a doverci confrontare con le critiche che le fa solo chi non lavoro. Perchè si ricordi caro signore, che solo chi non lavora non sbaglia.

La mia risposta:

Cara Angela,
mi permetto di darti del tu, visto che ci conosciamo: sono Claudio Martino dell’Associazione italiana familiari e vittime della strada, cognato del suo presidente provinciale Franco Cocco.
Mi dispiace della tua reazione al post del mio amico e collega giornalista, sempre che tu lo consideri tale, visto che non scrive su un pezzo di carta, ma su un giornale online; d’altronde anche “La Provincia” ha un’edizione online, alla quale sono anche abbonato, e quando leggo i tuoi articoli online non smetto per questo di considerarti una giornalista, intelligente e sensibile.
Non capisco, sinceramente, la tua difesa d’ufficio del tuo giornale. Nessuno (credo neanche Fiorenzo) mette in dubbio le capacità e l’onestà dei singoli redattori. La tua reazione sarebbe stata più che legittima se, ad esempio, fosse stato criticato un pezzo pieno di errori ortografici o di imprecisioni dovuti alla fretta ed alla scarsità di informazioni.
Il sarcasmo di Fiorenzo (al quale mi associo al cento per cento) si appunta sulla mancanza assoluta (a parte lo stitico articolo del 14 dicembre, primo giorno successivo agli arresti) di copertura, da parte de “La Provincia”, di uno scandalo politico ed amministrativo che è il più grave di Frosinone, almeno da quando (6-7 anni orsono) ho ricominciato ad interessarmi della mia città.
Il tuo giornale, si è “rioccupato” (si fa per dire) della vicenda solo oggi, 18 dicembre (black out, quindi, di ben tre giorni), con un bel panegirico domenicale su Marini and company, senza ricapitolazione dei termini penali della vicenda, ad opera del segretario PD Migliorelli.
La gratitudine che manifesti nei confronti di chi ti “ha consentito di diventare professionista e di avere uno stipendio in una provincia dove le raccomandazioni e le marchette sono all’ordine del giorno” ti fa onore, ma non dovrebbe impedirti di vedere il tuo giornale con un minimo di obiettività, che si richiede ad una brava professionista dell’informazione quale tu senz’altro sei.
Non mi dire che nessun redattore ha potuto occuparsi della vicenda, perché troppo indaffarato (faresti un torto all’intelligenza di entrambi). Poteva anche bastare un piccolo trafiletto ogni giorno, con scarnissime notizie, che però, il tuo direttore lo sa bene, avrebbe potuto suscitare in qualche lettore la curiosità di vedere anche altri organi di stampa, cartacei o online.
Se poi non capisci da te perché “La Provincia” (di proprietà di Arnaldo Zeppieri) non voglia creare problemi all’amministrazione Marini, non sono certo io, con informazioni senz’altro più scarse delle tue, che posso spiegartelo. Il mio augurio, anche da affezionato abbonato online del tuo giornale, almeno a te personalmente, è che “La Provincia” sopravviva al probabile (e da me augurato, per il bene di tutti e non solo di qualche imprenditore) fallimento dell’operazione aeroporto di Frosinone.
Un caro saluto.
Claudio Martino

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s