I RABBINI ANTISIONISTI DEFINISCONO LA CERIMONIA AD AUSCHWITZ UN AFFRONTO ALLA MEMORIA DELLE VITTIME. 28 gennaio 2014, Berlino Traduzione italiana di Claudio Martino

I RABBINI ANTISIONISTI DEFINISCONO LA CERIMONIA AD AUSCHWITZ UN AFFRONTO ALLA MEMORIA DELLE VITTIME. 28 gennaio 2014, Berlino
Traduzione italiana di Claudio Martino

Rabbini ortodossi, sopravvissuti dell’olocausto e discendenti dei sopravvissuti, hanno tenuto ieri, a Berlino, una conferenza stampa, in risposta alla cerimonia del ricordo, svoltasi ad Auschwitz per iniziativa di 69 politici israeliani, che hanno messo in guardia contro l’aumento dell’antisemitismo in Europa.

I Rabbini hanno giudicato ripugnante che lo stato di Israele, i cui fondatori si rifiutarono di soccorrere ebrei mentre l’olocausto si stava svolgendo, commemori l’olocausto.

“Noi siamo sopravvissuti nascondendoci in un bunker a Budapest durante l’olocausto”, ha detto il rabbino Moshe Dov Beck, di anni 79. “È ben risaputo che la politica sionista durante l’olocausto era che soltanto un bagno di sangue di ebrei, su vasta scala, potesse aiutarli ad ottenere il loro stato dopo la guerra, come regalo da parte di vincitori oppressi dalla colpa e simpatizzanti. Essi provocarono l’antisemitismo e sabotarono gli sforzi per il salvataggio, tutto per il loro obiettivo politico”.

“Mentre, per l’attuale antisemitismo, le lamentele di Israele sono duplici, perché l’esistenza dello stato di Israele e le sue atrocità ne sono largamente la causa. E naturalmente è ovvio che ne colgano i benefici – più antisemitismo nel mondo, più ebrei emigrano nel loro stato”, ha detto il rabbino Dovid Feldman.

“I sionisti vogliono che il mondo creda che essi rappresentano gli ebrei ed il giudaismo mondiale, il che è falso”, ha detto il rabbino Yisroel Dovid Weiss. “Essi accusano di antisemitismo tutti quanti criticano le loro vili azioni, il che è un’altra bugia. Sfortunatamente, ci sono persone che odiano tutti gli ebrei perché considerano il giudaismo ed il sionismo una ed una stessa cosa. E così i sionisti portano il pericolo sulla testa degli ebrei e prospettano se stessi come i salvatori del popolo ebraico”.

“La Torah (תורה) insegna che gli ebrei sono in esilio per decreto divino. Agli ebrei si chiede di rispettare le nazioni fra le quali vivono. La Torah proibisce agli ebrei di avere un proprio stato. Gli ebrei accettano il decreto dell’Onnipotente ed attendono pazientemente la Sua redenzione, senza alcun intervento umano. Ne consegue tacitamente che agli ebrei è proibito rubare la terra, uccidere od espellere qualcuno. Proprio perché abbiamo sperimentato l’olocausto, dobbiamo imparare la tolleranza ed il rispetto per gli altri – non usare la nostra sofferenza per opprimere gli altri”.

“Di conseguenza, la cerimonia sionista non è altro che un brutale affronto alla memoria di coloro che perirono nell’olocausto”.

ANTI-ZIONIST RABBIS CALL ISRAELI CEREMONY AT AUSCHWITZ AN AFFRONT TO THE MEMORY OF THE VICTIMS. January 28, 2014 – Berlin

Orthodox Rabbis, holocaust survivors and descendents of survivors, held a press conference in Berlin yesterday in response to a memorial ceremony, held at Auschwitz by 69 Israeli politicians, who warned of rising anti-Semitism in Europe.

The Rabbis found it repugnant that the State of Israel, whose founders refused to rescue Jews while the Holocaust was happening, should be commemorating the Holocaust.

“We survived by hiding in a bunker in Budapest during the Holocaust,” said Rabbi Moshe Dov Beck, 79. “It is well known that the Zionist policy during the Holocaust was that only Jewish bloodshed on a massive scale could help them achieve their state after the war, as a gift from the guilt ridden and sympathetic victors. They provoked anti-Semitism and sabotaged rescue efforts, all for their political goal.”

“As for today’s anti-Semitism, the Israelis complaining is duplicitous, because the existence of the Israeli State and it’s atrocities is largely the cause. And of course it is obvious, that they reap the benefits – more world anti-Semitism, more Jews immigrate to their state”, said Rabbi Dovid Feldman.

“The Zionists want the world to believe that they represent world Jewry and Judaism, that is false,” said Rabbi Yisroel Dovid Weiss. “They accuse everyone who criticizes their vile actions of anti-Semitism, that is also a lie. Unfortunately there are those who hate all Jews because they consider Judaism and Zionism one and the same. Thus Zionists bring danger upon Jews and then they present themselves as the saviors of the Jewish people.”

“The Torah teaches that Jews are in exile by a Devine decree. Jews are required to respect the nations amongst whom they live. The Torah forbids Jews to have their own state. Jews accept the Almighty’s decree and wait patiently for His redemption, without any human intervention. It goes without saying that Jews are forbidden to steal land, kill or expel anyone. Precisely because we experienced the Holocaust, we must learn tolerance and respect for others – not use our suffering as an excuse to oppress others.”

“Subsequently, this Zionist ceremony is nothing less than a brutal affront to the memory of those who perished in the Holocaust.”

http://nkusa.org/activities/press/20140127.cfm

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s