27 aprile 2013. La verità: elezioni regolari oppure irregolari? Inizio procedura arbitrale.

27 aprile 2013. La verità: elezioni regolari oppure irregolari? Inizio procedura arbitrale.

 

image image image image image image image image image image

27 aprile 2013. La verità: elezioni regolari oppure irregolari? Inizio procedura arbitrale.

Buongiorno Claudio,
ti prego di girare all’indirizzario della nostra Associazione, facendo bene attenzione a non disturbare chi ha espressamente chiesto di non ricevere altre comunicazioni.

Cari soci,

da più di un anno non scrivo nulla, non ho partecipato ad alcuna polemica e non ho risposto alle tonnellate di email infanganti e diffamatorie della mia persona.

Prendo spunto dalle ultime affermazioni
per specificare che nessun giudice ha mai sostenuto che Pina Cassaniti è la presidente AIFVS.

Non solo, ci sono almeno 10 procedimenti penali pendenti, tra cui quelli per la sottrazione e il possesso dei libri sociali, della contabilità, dei timbri dell’associazione.

Tutti quelli che sostengono che ci sono delle sentenze che siano entrate nel merito di questa vicenda, che abbiano riconosciuto Pina Cassaniti presidente,
fanno solo strumentalizzazioni e gettano fumo negli occhi.

Mi rammarico di come ancor oggi si possa giocare con il dolore delle persone.

Ma una cosa è vera. L’associazione in questo momento è controllata da Pina Cassaniti, assieme al suo direttivo.

A mio avviso la stanno controllando con la prepotenza, E SENZA LEGITTIMAZIONE.

Ed è per questo motivo che ho proposto un arbitrato, che sarà svolto molto presto. Le notifiche sono già state ricevute dai soggetti coinvolti.

Ho scelto la strada dell’arbitrato appositamente perché sarà veloce e prevista dal nostro statuto.

Non ha senso lasciare ancora i soci in questa situazione di scontro, è arrivato il momento di dire basta a queste voci e dicerie, e lasciare che sia un giudice a decidere.

Sono talmente convinto che l’assemblea del 27 aprile 2013 si sia conclusa con l’elezione regolare di Franco Piacentini come presidente nazionale, che ho scelto la strada dell’arbitrato proprio per questo motivo.

L’arbitrato di solito viene scelto proprio da chi non ha alcun timore, ed è sicuro delle proprie ragioni.

Ed è per questo motivo che invito Pina Cassaniti ad aderire senza opporsi all’arbitrato, che è veloce ed inappellabile.

Ovvero entro fine anno avremo la sentenza definitiva, e sapremo cos’è davvero successo il 27 aprile 2013.

Se Pina è davvero sicura delle sue ragioni, ed è convinta di essere lei la presidente, e di avere sentenze da parte di qualche giudice, non avrà niente da temere da un giudizio arbitrale! Anzi, Le conviene, è veloce, inappellabile.

La questione, comunque andrà, è che il processo civile per capire chi è legale rappresentante AIFVS è partito.

Non è uno scherzo, è una procedura giudiziaria!

Qualcuno pensava che non avremmo avuto le risorse economiche per fare la causa di merito, e giocava proprio su questo fatto.

Ci abbiamo messo un po’ di tempo, è vero, ma alla fine, a spese nostre, il processo è finalmente partito.

Se l’arbitro dirà che il presidente è Pina Cassaniti,
io rispetterò la decisione e mi leverò di mezzo per sempre.

Ma avverto tutti i membri del consiglio direttivo guidato da Pina Cassaniti, che sono quelli che dovrebbero gestire il denaro AIFVS che,
essendo partita la procedura arbitrale,
non spendano un centesimo delle risorse AIFVS se non per l’ordinaria amministrazione,
fino a quando l’arbitro non avrà deciso, presumibilmente entro fine anno, quindi non manca molto tempo.

Se verrò ritenuto il presidente legittimo dell’Aifvs, per prima cosa controllerò i conti correnti AIFVS, e se i soldi saranno stati spesi in modo ILLEGITTIMO, riterrò responsabili,
oltre a Pina Cassaniti, anche i singoli membri del consiglio direttivo, e saranno presi provvedimenti nelle sedi competenti.
Ricordo, ad ognuno di voi,
che risponderete, in caso di azioni illegittime con danni arrecati all’Aifvs, con l’intero vostro patrimonio personale.

E soprattutto: non pagate avvocati coinvolti nella causa legale con i fondi dell’Aifvs, perché questo, oltre che illegittimo, sarebbe vergognoso.

Mettete le mani al vostro portafoglio, come abbiamo fatto noi.
Siete convinti di aver ragione? Bene, pagate di tasca vostra per averla, la ragione, come fanno tutti.

Troppo comodo agire con il denaro di altri.

Mi rivolgo in ultimo a voi, “consiglieri”:
gestire denaro in questa situazione di scontro, con decine di processi penali e civili, per giunta denaro pubblico, è una responsabilità enorme che nessuno avrebbe il diritto di chiedervi di sostenere, perché il rischio è altissimo.

Si tratta di denaro pubblico, vorrei sottolinearlo, denaro di contribuenti che, ignari di tutto questo scontro, si sono fidati a donarlo all’Aifvs, attraverso il 5 per mille.

Tutto quello che firmate, tutto quello che autorizzate, tutto quello che vi fanno firmare e votare comporta una responsabilità precisa.

In caso di soccombenza, vi sarà chiesto di ritorno ogni soldo speso.
Io mi chiedo veramente: ma chi ve lo fa fare……

Vi farò sapere quando finirà questa cosa, nel frattempo vi chiedo rispetto per questo periodo di causa civile davanti all’arbitro.

Chiedo a tutti voi di abbassare i toni, a mettere da parte l’orgoglio, come ho fatto io, e a pensare 10 volte prima di scrivere email accusatorie o diffamatorie.

Tutta la nostra AIFVS ha bisogno di abbassare i toni.

Un abbraccio a tutti, che la verità emerga.

Alberto Pallotti

 

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s